8 consigli per viaggiare in tempo di Covid-19

8 consigli per viaggiare e immergersi all’estero in tempo di Covid-19. Per chi ha voglia di ricominciare a viaggiare e per chi sogna qualche immersione all’estero. Consigli utili per affrontare una nuova avventura.

Il mondo sta cercando di ripartire. La gente ha voglia di ripartire. Scalpita, ha un’irrefrenabile voglia di fuggire, di staccare e di sentirsi finalmente libera.

8 consigli per immergersi all’estero in tempo di Covid-19

Dal “viaggiare informati” al “viaggiare sicuro”

Ma viaggiare non è così semplice come lo era un tempo. Dal “viaggiare informati” si è passati al “viaggiare sicuri”. Viaggiare Sicuri è un servizio dell’Unità di Crisi della Farnesina. Si può accedere direttamente o tramite app. Fornisce molte informazioni ma non è di semplice utilizzo. Anche perché le regole sono molteplici. Di altre fonti informative, poi, ce ne sono tante, forse troppe. Le più utilizzate, giornali e televisione, sono certamente le meno affidabili. Decisamente le più incomplete. Producono articoli e servizi sul green pass senza spiegare in realtà che cos’è e a cosa serve. Ci mostrano immagini di passeggeri disperati in fila ai check in. Di altri che non riescono a rientrare. Le istituzioni poi fanno il resto. Spediscono il green pass a chi ha fatto una sola dose di vaccino. Dicono che chi è guarito dal Covid-19 entro tre mesi non necessita di nulla e può muoversi liberamente. Non è proprio così…

8 consigli per immergersi all’estero in tempo di Covid-19

È così complicato viaggiare?

Se decidiamo di comprare un volo aereo per l’estero inizia un lungo percorso verso la luce. Fatto di interrogativi che ottengono risposte incerte. Sappiamo che molti viaggiatori vengono respinti in aeroporto. Con i biglietti in tasca e le prenotazioni degli alberghi già pagate. O scopriamo che altri non riescono a tornare a casa. Con il biglietto in tasca ed il capo ufficio che li aspetta per una riunione il giorno dopo. 

Ma oggi è così dannatamente complicato viaggiare? Cosa dobbiamo fare per poterci finalmente concedere una settimana di relax in giro per il mondo? Magari con un bel pacchetto da 10 immersioni?

8 consigli per immergersi all’estero in tempo di Covid-19

8 consigli per viaggiare al tempo del Covid-19

Ecco alcuni consigli. Sono frutto della mia esperienza. Perché ad un certo punto ho deciso di andare all’estero. E per farlo mi sono sciroppato qualche oretta di ricerca di informazioni e di compilazioni di moduli vari. Poi sono partito, non ho avuto intoppi e sono anche rientrato.

Andiamo per ordine e vediamo 8 consiglia per viaggiare al tempo del Covid-19

1. Devi avere pazienza

Devi avere molto pazienza. I passaggi da fare in realtà non sono molti. Molto spesso però si riveleranno tortuosi. Pagine web lente, maschere che si auto cancellano, mail che non arrivano o che arrivano incomplete. 

2. Domande di difficile interpretazione

Le compilazioni dei moduli elettronici presenteranno alcune domande di difficile interpretazione. Rileggile con molta calma e non ridurti all’ultimo momento per farlo. Potrebbe generarti un forte stress.

3. Utilizza un computer

Per la compilazione utilizza, se ti è possibile, un computer. Il monitor più grosso ti permetterà di leggere meglio le informazioni e le guide alla compilazione. Il tuo broswer ti permetterà di cliccare sui link allegati aprendo nuove pagine, senza abbandonare la principale. Dovrai inserire informazioni che ti saranno arrivate via mail. Con il pc il copia e incolla è decisamente più semplice.

8 consigli per immergersi all’estero in tempo di Covid-19
4. Visita infocovid.viaggiaresicuri.it

Vai sul sito infocovid.viaggiaresicuri.it e inizia il questionario. Il form che compilerai non ha valore legale e non garantisce l’ingresso nel paese che hai scelto come meta delle tue vacanze subacquee. Le loro autorità possono prevedere il divieto di ingresso anche se lo spostamento verso quel paese è possibile per la normativa italiana. A tal proposito consulta la scheda del paese di destinazione e, se farai scalo da qualche altra parte, anche del paese di transito.

5. Le 5 categorie ed il loro grado di rischio epidemiologico

Verifica in quale categoria è inserita la tua meta.  E se fai scalo in un paese diverso da quello della destinazione finale verificane la categoria. Le categorie sono 5 e rappresentano i livelli di rischio epidemiologico ai quali ogni paese appartiene. Le categorie sono fisse ma la loro appartenenza è variabile. Consultalo regolarmente sino a qualche giorno prima di partire. Attualmente la normativa italiana consente gli spostamenti verso i paesi contenuti nelle prime tre categorie.

8 consigli per immergersi all’estero in tempo di Covid-19
6. Compila il dPLF

Compila digitalmente il formulario on-line di localizzazione, denominato digital Passenger Locator Form (dPLF). Dovrai compilarne uno per raggiungere il paese di destinazione, uno per l’eventuale scalo in altro paese ed uno per il rientro in Italia. Tra le informazioni che dovrai fornire ci sarà il numero del volo ed il posto assegnato. Ti consiglio quindi di effettuare il check-in prima di compilare il formulario.

7. Il green pass, il QRCode ed il tampone

Dovrai avere con te la Certificazione Verde Covid-19 (il cosiddetto green pass). Per ottenerlo dovrai aver completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni. Nel caso tu sia stato contagiato dal Covid-19 e tu sia guarito in un periodo di non oltre tre mesi dalla data di ritorno, dovrai richiedere l’apposita certificazione di guarigione munita di QRCode. Se non rientri in queste due casistiche dovrai effettuare un test antigenico rapido o molecolare (un tampone) nelle 48 ore antecedenti l’ingresso nel paese di destinazione, di scalo e di rientro. Sia in Italia che all’estero è ormai una cosa semplice. Qui da noi basta andare in una farmacia autorizzata. All’estero le strutture alberghiere si sono strutturate per prenotarvelo tramite apposite App con i loro centri convenzionati.

8 consigli per immergersi all’estero in tempo di Covid-19
8. L’assicurazione

Prendi in considerazione di farti un’assicurazione apposita. Ti dovrà coprire le spese del viaggio qualora, disgraziatamente, tu risulti positivo al tampone prima della tua agognata partenza. E dovrà eventualmente coprire anche le spese che rischi di dover sostenere nel caso tu risulti positivo al tampone prima del rientro a casa. Io ti consiglio vivamente di farla. I costi di soggiorno all’estero in caso di isolamento causato dal contagio potrebbero essere davvero costosi. Le agenzie di viaggio, i tour operator e le compagnie aeree ti possono proporre delle soluzioni standard e convenienti.

Partire non è poi così difficile

Insomma, non è poi così difficile. Tutte le novità ci buttano addosso una dose di ansia e di stress. In particolare, se le novità fanno parte dell’odiosa burocrazia. Però ragazzi, bisogna ripartire. I rischi ci sono, non lo possiamo negare. Ma allo stesso modo, se abbiamo voglia di evadere e di andare a fare qualche tuffo all’estero, la possibilità esiste. Qualcuno scriveva #ripartiamo…

👌

8 consigli per immergersi all’estero in tempo di Covid-19

Le regole cambiano spesso… giorno per giorno… informatevi costantemente… e se qualcuno vuole condividere la sua esperienza lo può fare nei commenti…

Leggi anche

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin