IMG_9144

L’immersione guarisce i pazienti con stress post traumatico

Studi scientifici, condotti sulle vittime di attacchi terroristici e sui soldati impegnati in missioni pericolose, dimostrano che l’immersione guarisce i pazienti affetti da stress post traumatico. Le immersioni con bombole potrebbero essere incluse come attività curativa, e quindi sovvenzionate dal sistema sanitario nazionale, alla pari di qualsiasi farmaco.

La sindrome da burnout

Il quotidiano francese “Le Parisien” ha recentemente pubblicato un articolo molto interessante. Si occupa degli effetti curativi che le immersioni avrebbero su soggetti affetti da sindrome post-traumatica.

Tutto è iniziato nel 2015. Il Professor Mathieu Coulange è il capo della medicina iperbarica e subacquea presso il Sainte Margherite Hospital Center di Marsiglia. Ha iniziato uno studio sul tema, a seguito di un episodio “burnout” che ha colpito un suo collega.

Le immersioni curano i pazienti affetti da stress post traumatico: il burnout

Questa sindrome deriva il suo nome dall’espressione inglese “bruciare”, o “bruciare se stessi”. Il burnout è uno stato di esaurimento emotivo, fisico e mentale. L’OMS classifica questa sindrome come una forma di stress da lavoro che non può essere gestita con successo. Le persone colpite non sono più in grado di far fronte al loro carico di lavoro quotidiano con le risorse disponibili. Finiscono poi per soffrire di esaurimento cronico.

Questo disagio non è limitato alla sfera professionale. In molti casi si estende anche alla vita privata, dimostrando che Burnout non è una diagnosi unica. È un fenomeno complesso che si manifesta in modo diverso da persona a persona.

Le immersioni curano i pazienti affetti da stress post traumatico: curva del burnout

Gli studi e gli esperimenti del professor Coulange

Il professor Coulange ha osservato che andare sott’acqua riduce lo stress e persino il disagio. E per farlo, ha proceduto secondo le stesse linee guida per testare un nuovo farmaco. E ‘stato anche scoperto che la pratica delle immersioni subacquee aumenta la propria capacità di gestire l’inaspettato.

Il risultato è stata la pubblicazione dei primi risultati scientificamente provati. Nel 2017 il professor Coulange ha sperimentato questo nuovo metodo. L’ha fatto sull’isola francese di Guadalupa, nell’Oceano Atlantico. E lo ha fatto contro 40 vittime degli attacchi terroristici che hanno avuto luogo nel teatro Bataclan a Parigi.

Le immersioni curano i pazienti affetti da stress post traumatico: la sperimentazione sulle vittime del Bataclan

Un secondo processo ha avuto luogo a Malta con i soldati dell’esercito francese che erano tornati da operazioni particolarmente traumatizzanti.

La tecnologia utilizzata durante lo studio ha mostrato che i cambiamenti nei suoni, luminosità e gravità avvengono sott’acqua. Il fatto di respirare più lentamente, con l’ausilio del regolatore, permette di riattivare il sistema autonomo spingendo l’aria inalata nell’arteria carotidea.

In questo modo vengono ripristinate le funzioni del sistema neurologico, il cui corretto funzionamento è stato ostacolato dallo stress post-traumatico.

Le immersioni curano i pazienti affetti da stress post traumatico

Immersioni come attività curativa?

In Francia, alcuni istruttori di immersioni sono già stati addestrati per accompagnare le vittime di stress post traumatico.

Da parte sua, il Pr. Coulange intende estendere il suo studio a tutto il personale sanitario affetto da sintomi di esaurimento nervoso. Questo programma, già in atto prima della pandemia dovuta a Covid 19, è di particolare utilità e importanza alla luce del carico di lavoro sproporzionato cui è stato sottoposto il personale sanitario.

Forte degli ottimi risultati ottenuti con i primi pazienti, la FFESSM (Federazione Francese di Studi e Attività Sportive Subacquee) ha chiesto che le immersioni con bombole siano incluse come attività curativa, e quindi sovvenzionate dal sistema sanitario nazionale, alla pari di qualsiasi droga.

Il medico di famiglia potrebbe quindi venire con una prescrizione per loro di indossare mute, pinne e maschere!

Le immersioni curano i pazienti affetti da stress post traumatico

Un bel grazie

Questa importante notizia mi è stata suggerita da Julie Sferlazzo. È una recente amica subacquea, che ho avuto il piacere di incontrare all’XRCamp di Isola delle Femmine. Julie, pur vivendo e felicemente immergendosi in Sicilia, ha origini francesi. Oltre a comunicarmi la notizia, hai anche preso l’impegno di tradurre l’articolo per me. Direi in modo esemplare.

Le immersioni curano i pazienti affetti da stress post traumatico

Sono davvero impressionato da questo studio. Ho cercato di fare qualche ricerca, ma non ho trovato ulteriori informazioni al momento.

È certamente una notizia importante per il mondo delle immersioni. Per noi subacquei, le immersioni sono puro divertimento. È bello imparare che la nostra passione così come intrattenerci può anche diventare un’attività curativa e benefica. Contro la cosiddetta “usura della vita moderna”.

Spero che questo post possa attivare la comunità subacquea italiana, in particolare la comunità medica e scientifica, per garantire che le immersioni siano incluse come attività curativa anche con noi.

Con tutto il rispetto per il mio medico che sarà costretto a fare gli straordinari per le mie prescrizioni …

Grazie ancora Julie !! Presto. O meglio, à bientôt !!

Fonte: Le Parisien, E.Torgemen, 8 giugno 2021

Leggi anche

Tags: No tags

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *