MASSUB diving center Portofino

Con MASSUB diving center Portofino arriva una ventata di aria fresca nel piccolo mondo della subacquea del Tigullio. Scopriamo insieme come due fratelli, Alessandro e Luca, sono arrivati a rilevare il MASSUB diving center Portofino.

Due ragazzi, due fratelli, tanto entusiasmo e la voglia di spaccare il mondo. Il primo si chiama Alessandro, è uno spirito libero che ama la natura e che sorride sempre. Il secondo si chiama Luca, ha solo 22 anni ma un coraggio da leone. Sono i fratelli Boschi e insieme hanno, da poco, rilevato Massub, un diving center storico, con base al porto di Lavagna.

MASSUB diving center Portofino

Alex subisce il richiamo del mare sin da ragazzino e non appena gli si presenta l’occasione abbandona la scuola, gli agi e la famiglia per andare a fare lo stagista in un diving center. Ed il caso vuole che il centro immersioni che lo scelse fu proprio Massub.

Alessandro Boschi: MASSUB diving center Portofino

A 18 anni diventa istruttore subacqueo ma ben presto si trova ad affrontare la nuda e cruda realtà. Nessuno è disposto a scommettere su di lui. Troppo giovane, troppo bimbo. Con quella faccia senza peli e con quella vocina quasi infantile. 

Con la delusione nel cuore e la prospettiva di un lungo inverno a casa compra un camper del 1970 e parte per un giro della penisola, lavorando nel settore agricolo in cambio di vitto ed alloggio. Ad inizio primavera transita per la Sardegna e si imbatte, per puro caso, in un diving center, in Costa Smeralda. Il richiamo del mare torna a farsi sentire prepotentemente. Prende coraggio, scende dal camper e si propone. 

Alessandro Boschi: MASSUB diving center Portofino

Da quel giorno parte la sua escalation in Orso Diving, uno dei centri subacquei più rinomati dell’intero paese. Ne diventerà socio un paio d’anni dopo.

Alessandro Boschi: MASSUB diving center Portofino

Da quel giorno non smette più di andare sott’acqua: sei mesi in Sardegna e sei mesi nei mari tropicali, in Thailandia e alle Maldive. Prende la patente nautica, approccia la subacquea tecnica e poi il rebreather. Diventa anche istruttore di apnea. In mezzo a tutto ciò riesce anche a passare stabilmente del tempo in Germania, per imparare il tedesco. Un paio d’anni fa diventa anche Instructor Trainer per SSI.

Poi arriva la pandemia e anche per Alex arriva il momento di fare uno stop. E di iniziare a fare il primo bilancio della sua giovane esistenza. Capisce che in Sardegna il suo spazio rimarrà sempre limitato e allora decide che è giunto il momento di fare davvero sul serio. 

Luca era un bambino la prima volta che provò le bombole. Fu proprio suo fratello a convincerlo, a Lavagna da Massub, durante la prima stagione di Alex. Fu un’esperienza tragica. “Mai più” si disse.

Luca Boschi: MASSUB diving center Portofino

Qualche anno dopo, andò a trovare il fratello alle Maldive. Si fece convincere a riprovarci. E questa volta andò meglio. Completò il corso Open Water e divenne un subacqueo. Il suo istruttore, manco a dirlo, fu suo fratello Alessandro.

A 17 anni fa la sua prima stagione in Sardegna, parte subacqueo semplice e ritorna divemaster. Fu l’estate della svolta. Quella in cui scopri un nuovo modo di vivere, libero e selvaggio. Senza la routine, vivendo ogni giorno come se fosse l’unico. Diventa una persona nuova, meno impacciata e più sicura di sé. 

Luca Boschi: MASSUB diving center Portofino

Torna a casa, finisce la scuola e, con un diploma da ragioniere in tasca, decide di seguire le orme del fratello. Ma senza raccomandazioni, partendo dalla gavetta. Parte per l’Asia, di sposta dall’Indonesia alla Malesia e poi alla Thailandia. Torna a casa con il brevetto da Istruttore Subacqueo ed entra, anche lui, ufficialmente nello staff di Orso Diving.

Luca Boschi: MASSUB diving center Portofino

Oggi, questi due ragazzi, dal volto pulito e sempre sorridente, mi accolgono nel loro nuovo diving center, il Massub di Lavagna. Ale è impegnato in un crossover istruttori, nella loro aula didattica, al primo piano. Luca è in reception e coordina lo staff e tutte le attività. Mi accompagna in barca a fare un bel tuffo di benvenuto.

Saliamo sul gommone e partiamo alla volta di Punta Manara. La giornata non è tra le migliori. Il sole fa capolino tra nubi sparse. E fa ancora tanto, troppo freddo. Un quarto d’ora dopo siamo ormeggiati, pronti per immergerci.

Nel pomeriggio andiamo verso il Promontorio di Portofino. Destinazione Secca Carega. Ci andiamo in barca. Venticinque minuti di navigazione e sono pronto per il passo del gigante.

Porto di Lavagna: MASSUB diving center Portofino

MASSUB diving center Portofino è davvero baricentrico. Sia rispetto all’area di Sestri Levante, con i suoi famosi relitti, sia rispetto alle favolose e colorate immersioni dell’Area marina Protetta di Portofino.

Alessandro e Luca trasmettono voglia di fare e, soprattutto, voglia di far divertire e star bene gli altri. Forti del loro legame si sono buttati in questa nuova impresa, perché poter fare quello che si ama con il proprio fratello è la cosa più bella che possa succedere. 

E glielo si legge chiaramente in volto!!

👌

Clicca qui se vuoi immergerti con MASSUB diving center Portofino

Leggi anche

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin